Attacco a Capitol Hill: reazioni e prime pagine dal mondo

Il 7 gennaio i principali quotidiani europei hanno utilizzato titoli e parole particolarmente forti nei confronti dell’assalto dei sostenitori di Trump a Capitol Hill. I loro titoli fanno riferimento al danno sferrato alla democrazia, non solo quella americana, ma al concetto in sé e per sé. Gli Stati Uniti sono infatti il modello democratico per eccellenza ed è per questo che il “The Indipendent” l’ha definito un «Assalto alla democrazia», così come “Le Figaro” che parla di una «Democrazia fratturata». “El País” invece sottolinea come l’attacco sia stato incentivato dallo stesso Donald Trump, il quale ha «istigato una rivolta contro la conferma di Biden».

Renmin Ribao“, uno dei principali quotidiani cinesi, ha dedicato solo uno spazio marginale nella prima pagina del giorno seguente all’assalto. Nell’articolo è presente solo una descrizione dell’evento, senza alcun tipo di giudizio o opinione personale. Una scelta singolare se si pensa alla posizione presa da Hua Chunying, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, il quale ha minimizzato sull’argomento definendolo meno grave rispetto all’insurrezione dei manifestanti di Honk Kong al Consiglio legislativo nel 2019. Il ministro cinese ha messo sullo stesso piano i dissidenti di Honk Kong e i responsabili dell’attacco al Campidoglio, criticando aspramente i media americani che a quel tempo avevano preso le parti dei manifestanti.

Anche su “Rossiyskaya Gazeta“, uno tra i media più seguiti in Russia, gli articoli pubblicati si rifanno solo alla cronologia degli eventi, d’altro canto il presidente Vladimir Putin ha deciso di non rilasciare nessun tipo di dichiarazione sui fatti avvenuti a Washington.

Il 7 gennaio sia il venezuelano “El Nacional” sia l’iraniano “Tehran Times” hanno riportato l’attacco al Campidoglio come una delle notizie di prima pagina. Entrambi si sono limitati alla descrizione dell’evento, contrariamente alle chiare posizioni prese dai presidenti dei due paesi. Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro ha pubblicato a raffica per tutto il corso della giornata sul suo profilo Twitter, postando foto e video del “golpe americano” alternate a sue immagini che lo ritraggono di fronte ad un’assemblea ordinata e pacifica secondo le norme democratiche. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha usato parole ancora più dure definendo la democrazia americana «debole e fragile».

6 pensieri riguardo “Attacco a Capitol Hill: reazioni e prime pagine dal mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: